S P A Z I O    S A C R O

Giornate FAI d'Autunno 2020

Sabato 17 ottobre ore 14-18 - Domenica 18 ottobre 10-12:30 e 14-18
Sabato 24 ottobre ore 14-18 - Domenica 25 ottobre 10-12:30 e 14-18

GIORNATE FAI D’AUTUNNO 2020 in provincia TREVISO

17, 18, 24 e 25 OTTOBRE

Eccezionale doppio appuntamento con
GIORNATE FAI D’AUTUNNO
Per la prima volta due fine settimana
con mille aperture a contributo libero in 400 città di tutta Italia

L’edizione 2020 è dedicata a Giulia Maria Crespi


Sabato 17 ottobre ore 14-18 - Domenica 18 ottobre 10-12:30 e 14-18
Sabato 24 ottobre ore 14-18 - Domenica 25 ottobre 10-12:30 e 14-18


Unico monumento aperto a Treviso a 400m dalle mura cittadine è la cappella SS. Cirillo e Metodio presso l’area Appiani.
Nel primo fine settimana sono passati più di 200 visitatori. Si attendono ancora visitatori per il secondo fine settimana.

Visite guidate dallo studente di architettura di Venezia Emile Jourcin, e dalla studentessa di economia dell’università Ca’ Foscari, di Venezia, Letizia Tegon.

Ottobre 2020 - Giornate FAI d'Autunno Sabato 24 h 16/18 letture poetiche di Francesco Crosato, in cappella.
Cappella dei SS. Cirillo e Metodio ai margini del roseto a cura della delegazione FAI di Treviso

Di solito chiusa per mancanza di guardiania, la cappella progettata dall’architetto Mario Botta (1943) si colloca all’interno di un vasto complesso commerciale, direzionale e residenziale interamente progettato dall’architetto fra il 1994 e il 2012: una cittadella contemporanea ispirata ai borghi medievali.
L’entrata è protetta da un ampio portico sorretto da un possente pilastro sull’asse, la copertura è piana e ribassata, secondo un effetto di compressione dello spazio che segnala il passaggio dalla dimensione urbana a quella del raccoglimento dell’ambiente sacro. L’unica porta centrale è arretrata come all’interno di un profondo portale strombato.
Oltre la soglia, il tetto sale con inclinazione costante fino al lucernario che convoglia la luce zenitale sulla terminazione curvilinea dell’abside. Vi è una manifesta dicotomia tra il nitore del rivestimento lucido di grassello di calce e il tono scurissimo della pavimentazione di resina nera, su cui si stagliano gli arredi liturgici in legno massello di rovere